Mausoleo di Santa Costanza e Catacombe di Santa Agnese

Mausoleo di Santa Costanza

Mausoleo di Santa Costanza

Un complesso che sorge sulla via Nomentana e che comprende il Mausoleo di Santa Costanza e le Catacombe di Sant’Agnese. L’intera area si è sviluppata tra il III e il IV secolo d.C. e comprende catacombe distribuite su tre piani. Un cimitero ipogeo il cui sviluppo è legato al martirio della giovanissima Agnese durante le persecuzioni anticristiane del III secolo; ed alla martire Agnese, il cui corpo fu deposto qui tra la metà del III e l’inizio del IV secolo.

Storia del complesso sulla via Nomentana

Il corpo della martire Agnese fu tumulato in una galleria presente al primo piano del complesso, un cimitero cristiano già esistente ai tempi. Proprio in questa area del cimitero, al primo piano, è stata edificata nel IV secolo anche una piccola basilica a navata unica.
Sia il Mausoleo di Santa Costanza che la basilica oggi ridotta a rudere, furono di proprietà imperiale e quindi non ecclesiastica. Solo sul finire del Medioevo divenne una chiesa autonoma. A partire dal Rinascimento, stagione storica all’insegna della rinascita del bello, l’intero complesso divenne oggetto di un grandissimo interesse di architetti di tutto il mondo.
Si tratta infatti del primo esempio di edificio a pianta centrale con ambulacro, ovvero un corridoio di passaggio. In origine era circondato da un portico, ora non più presente.

Visita al Mausoleo di Santa Costanza e Catacombe di Santa Agnese

Il complesso di edifici sorge sulla via Nomentana, dopo l’incrocio con viale XXI Aprile, ed è formato dalla chiesa di S. Agnese, dalle catacombe, da una grande basilica e dal mausoleo di S. Costanza. Tutti siti che possono essere visitati nel corso di una visita unica.
Le catacombe risalgono al periodo tra il III e il IV secolo d.C e sono divise in varie regioni, quattro per l’esattezza, disposte su tre piani. Al primo piano del cimitero venne edificata nel IV secolo una piccola basilica a navata unica dove fu deposta la salma della santa.
Sempre nel complesso sono ospitati i resti di una grande basilica a tre navate edificate per volontà di Costantino o di sua figlia Costanza tra il 337 e il 350 d.C. Il Mausoleo di Santa Costanza sorge su uno dei lati della basilica e fu edificato intorno alla metà del IV secolo.
Il sarcofago di Costanza in porfido rosso era inizialmente ospitato in questo edificio mentre oggi è custodito nei Musei Vaticani. Nel sulla tomba di S. Agnese fu edificata, per volere di Papa Onorio, un’altra basilica a tre navate con abside rivolto verso la via Nomentana.
Un complesso ricco di spunti storici ed artistici nel suo insieme e che per questo è particolarmente richiesto da visitatori che si recano a Roma per motivi di turismo.