La Galleria Brera di Milano

Galleria Brera di Milano

Galleria Brera di Milano

La Pinacoteca di Brera è la Galleria d’arte di Milano, un museo di livello internazionale che venne ufficialmente istituita nel 1809 su una struttura già esistente dal1776. L’edificio ha finalità didattiche e il corpus della galleria andava a costituire una collezione di opere esemplari, insieme all’ Accademia di belle Arti voluta da Maria Teresa d’Austria, destinate alla formazione degli studenti.
Questa raccolta divenne a tutti gli effetti un museo per volontà di Napoleone quando Milano divenne la capitale del regno di Italia. Proprio il Bonaparte volle esporre i dipinti più importanti provenienti da tutti i territori conquistati dalle armate francesi.

I capolavori presenti nella Pinacoteca di Brera a Milano

La particolarità della Galleria Brera di Milano è proprio quella di non provenire dal collezionismo privato di principi e aristocratici; questo a differenza di altri grandi musei italiani come gli Uffizi di Firenze. Nelle raccolte sono presenti molti dipinti di arte sacra provenienti dalla soppressione di molti ordini religiosi.
Tra le tante opere custodite ci sono alcuni grandi capolavori dei più grandi artisti vissuti in un periodo tra il XIV e il XIX secolo. Si parla tra gli altri di Piero della Francesca, Raffaello, Bramante, Caravaggio, Tintoretto, Giovanni Bellini, Rubens.
La Pinacoteca Brera sorge nell’omonimo quartiere centrale di Milano ed è una delle principali gallerie di arte presenti oggi in Italia.

Galleria Brera, la Pinacoteca di Milano

Il palazzo che ospita la Pinacoteca di Milano era un antico convento di una associazione religiosa milanese, gli Umiliati, presente nel tardo Medioevo. La gestione dell’edificio passò poi a Gesuiti nel 1571 e divenne un importante centro di studi.
È a partire dal 1815 che la Galleria Brera di Milano iniziò a raccogliere lasciti e donazioni arricchendosi dal punto di vista artistico. Il percorso del museo di Brera presenta due cicli di affreschi: il primo è del Bramante e raffigura Uomini d’Arme e Filosofi antichi; il secondo è relativo ad episodi dell’Antico Testamento e delle Metamorfosi di Ovidio.
Nella Pinacoteca Brera sono presenti in sintesi molti capolavori di arte italiana: oltre 400 opere dal 1300 alle avanguardie che hanno visto poi l’affermazione dell’arte italiana nel mondo. Tra gli altri capolavori presenti, Il “Ritrovamento del corpo di San Marco” di Tintoretto, “lo Sposalizio della Vergine” di Raffaello Sanzio, “La cena in Emmaus”di Caravaggio, il “polittico” di Vincenzo Foppa, la “Pala Montefeltro” di Piero della Francesca, “il Bacio” di Francesco Hayez, “Rissa in Galleria” e “La città che sale” di Umberto Boccioni.