Il Cenacolo di Leonardo a Milano

Cenacolo di Leonardo a Milano

Cenacolo di Leonardo a Milano

Una delle opere più famose di Leonardo da Vinci, dopo la Gioconda: il cosiddetto Cenacolo, l’Ultima Cena, un’opera grandiosa e da sempre una delle più visitate in Italia al punto che nel 2017 è stata visitata da oltre 400mila persone.
Ad oggi il Cenacolo è il 16° sito museale più visitato del Paese e l’ingresso a questo meraviglioso sito è regolato dal numero chiuso. L’opera l’Ultima Cena di Leonardo da Vinci è un capolavoro del Rinascimento italiano ad oggi conservato nell’ex-refettorio rinascimentale del convento adiacente al santuario di Santa Maria delle Grazie a Milano.

L’Ultima Cena, opera simbolo di Leonardo da Vinci

Una delle cose che colpisce maggiormente quando ci si reca a visitare il Cenacolo di Leonardo da Vinci a Milano sono le dimensioni: un’opera di 880 cm di lunghezza e 460 cm di altezza presente nell’ex-refettorio del convento adiacente al santuario di Santa Maria delle Grazie a Milano.
Per realizzare l’opera imponente Leonardo da Vinci utilizzò una tecnica particolare e sperimentale con tempera grassa e altri leganti oleosi su intonaco; fattore che rende oggi l’opera piuttosto precaria a livello di condizioni in quanto già sul finire del 1400 l’Ultima Cena iniziò a deteriorarsi.
Negli anni ’90 non a caso l’opera è stata sottoposta ad uno dei più grandi lavori di ristrutturazione durato un ventennio e per il quale furono impiegate le tecniche più all’avanguardia del settore. Un’opera tra le più importanti tra quelle visitabili in Italia e che attira le attenzioni di centinaia di migliaia di appassionati di viaggi di arte di tutto il mondo.

Il Cenacolo di Milano e l’Ultima Cena di Leonardo da Vinci

Leonardo dipinse l’Ultima Cena direttamente su una parete del refettorio del convento di Santa Maria delle Grazie per volere di Ludovico il Moro. L’opera portò via 3 anni di lavoro, dal 1494 al 1497. Un’opera di pittura su muro per la quale si fece ricorso a tecniche innovative come quelle sopra indicate.
Leonardo ha lavorato direttamente su intonaco asciutto tornando più volte sul lavoro per perfezionarlo così da sistemare ogni singolo particolare. Un’intuizione che, come detto, ebbe anche effetti negativi dato che la pittura cominciò a deteriorarsi ben presto.
Ad oggi l’Ultima Cena di Leonardo da Vinci è uno dei siti della Lombardia riconosciuto patrimonio mondiale dell’Unesco dal 1980. Il tutto in quanto capolavoro assoluto a livello mondiale testimonianza ricca di valori da trasmettere all’umanità. Un luogo da visitare assolutamente se ci si trova a Milano; ed un viaggio che tutti gli amanti dell’arte dovrebbero intraprendere per visitare un sito così prezioso a livello mondiale.